Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 126 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:13 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Purtroppo il Codice della Strada e' sempre una nota dolente nella vita di un motociclista........ siamo sempre soggetti a svariati controlli da parte delle FF.OO. e alle volte si becca anche il tanto temuto verbale !!! :?

I dubbi e le perplessita' che tormentano il motociclista anche il piu' attento, sono tanti.
Questo topic vuole essere uno strumento per fugare questi dubbi e aiutare a capire meglio, il sempre piu' complicato, Codice della Strada........ :wink: :ok:

Cerchiamo di tenere il topic il piu' "pulito" possibile, ricordiamoci che e' uno strumento di consultazione e di consulenza....non una valvola di sfogo :wink:

N.B. gli articoli sono stati "scremati" per una migliore fruizione :wink:


Buona strada a tutti !!! :moto: :moto:

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze. (PROVA)
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:14 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
NUOVA PATENTE EUROPEA :

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine



[Fonte : Polizia Moderna]

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze. (PROVA)
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:16 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Art.72. Dispositivi di equipaggiamento dei veicoli a motore e loro rimorchi :

1. I ciclomotori, i motoveicoli e gli autoveicoli devono essere equipaggiati con:

a) dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione;

b) dispositivi silenziatori e di scarico se hanno il motore termico;

c) dispositivi di segnalazione acustica;

d) dispositivi retrovisori;

e) pneumatici o sistemi equivalenti.

2. Gli autoveicoli e i motoveicoli di massa a vuoto superiore a 0,35 t devono essere muniti del dispositivo per la retromarcia.

13. Chiunque circola con uno dei veicoli citati nel presente articolo in cui alcuno dei dispositivi ivi prescritti manchi o non sia conforme alle disposizioni stabilite nei previsti provvedimenti è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335




Art. 79. Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione:

1. I veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento entro i limiti di cui al comma 2.

2. Nel regolamento sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento cui devono corrispondere i veicoli, particolarmente per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.

3. Qualora le norme di cui al comma 2 si riferiscano a disposizioni oggetto di direttive comunitarie, le prescrizioni tecniche sono quelle contenute nelle direttive stesse.

4. Chiunque circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte, ovvero circola con i dispositivi di cui all'art. 72 non funzionanti o non regolarmente installati, ovvero circola con i dispositivi di cui all'articolo 80, comma 1, del presente codice e all'articolo 238 del regolamento non funzionanti, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. La misura della sanzione è da euro 1.174 a euro 11.741 se il veicolo è utilizzato nelle competizioni (non autorizzate o gare) previste dagli articoli 9-bis e 9-ter

Regolamento :

Art. 237. (Art. 79 Cod. Str.) Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione:
1. Le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali e ai dispositivi di equipaggiamento dei veicoli in circolazione sono indicate nell'appendice VIII al presente titolo.
2. Le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali e ai dispositivi di equipaggiamento, di cui alla suddetta appendice VIII sono sostituite dalle corrispondenti indicate nelle norme di recepimento delle direttive comunitarie.
3. In assenza delle direttive comunitarie o in assenza dei regolamenti e delle raccomandazioni
internazionali, il Ministro dei trasporti può stabilire prescrizioni tecniche in aggiunta o modificative di quelle di cui alla suddetta appendice VIII, avuto riguardo alle esigenze della sicurezza, della rumorosità e delle emissioni inquinanti prospettate in ambito comunitario o internazionale. Le prescrizioni tecniche relative alla rumorosità ed alle emissioni inquinanti sono stabilite sulla base dei valori limite fissati, ai sensi della legge 3 marzo 1987, n. 59 con decreto del Ministro dell'ambiente di concerto con i Ministri dei trasporti e della sanità.

Appendice VIII (1) - Art. 237 - (Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione)
1. Le prescrizioni tecniche di cui all’articolo 237 sono le seguenti:
a) Ruote, pneumatici e sistemi equivalenti.
Sia le ruote che i pneumatici, o sistemi equivalenti, montati sugli autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, rimorchi e filoveicoli devono essere in perfetta efficienza, privi di lesioni che possano compromettere la sicurezza. Il battistrada, ove previsto, dovrà avere il disegno a rilievo ben visibile su tutta la sua larghezza e su tutta la sua circonferenza; la profondità degli intagli principali del battistrada dovrà essere di almeno 1,60 mm per gli autoveicoli, i filoveicoli e rimorchi, di almeno 1,00 mm per i motoveicoli e di almeno 0,50 mm per i ciclomotori. Per intagli principali si intendono gli intagli larghi situati nella zona centrale del battistrada che copre all’incirca i tre quarti della superficie dello stesso.
b) Sistemi di frenatura.
Devono rispondere a quanto prescritto dalla direttiva 92/54/CEE. L’efficienza dei sistemi di frenatura in relazione alle diverse categorie di veicoli, in assenza di prescrizioni comunitarie in proposito, viene stabilita dal Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C.
c) Dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, impianto elettrico.
I dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione devono essere di tipo approvato per la categoria cui appartiene il veicolo e recare, ben visibili, gli estremi di approvazione.
Tali dispositivi devono essere in condizioni di totale efficienza: in particolare, di notte e con atmosfera limpida, le luci di posizione anteriori e posteriori debbono essere visibili ad una distanza non inferiore a 150 m e la targa posteriore deve essere leggibile ad almeno 20 m.
L’altezza da terra e le altre quote di installazione dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione devono essere comprese entro i limiti prescritti; avanti ai dispositivi non devono esservi vetri o schermi non facenti parte dei dispositivi stessi; ove vi siano due apparecchi disposti simmetricamente, essi devono essere dello stesso tipo e dello stesso colore; l’orientamento deve essere corretto e, per i proiettori, deve esistere la possibilità di regolazione in orizzontale ed in verticale; ove siano installati dispositivi il cui impiego sia consentito in via facoltativa, essi devono essere di tipo approvato e rispondere a quanto stabilito dal presente regolamento. L’impianto elettrico e le tensioni di alimentazione ai morsetti dei dispositivi utilizzatori devono rispondere alle prescrizioni stabilite con
tabella d’unificazione a carattere definitivo.
d) Dispositivi di segnalazione acustica.
Devono recare in modo visibile gli estremi d’approvazione. Nelle condizioni normali di montaggio,
alimentati dalla batteria carica, o nel caso di dispositivi alimentati da alternatore per una velocità di quest’ultimo di 1800 giri/minuto, devono dare un livello sonoro soggettivo, misurato sull’asse del veicolo, a 30 m davanti ad esso, non inferiore ai valori seguenti:
· 80 dB per i dispositivi di segnalazione acustica di autoveicoli, filoveicoli e motoveicoli;
· 75 dB per i dispositivi di segnalazione acustica dei motocicli aventi cilindrata non superiore a 125 cmc;
· 70 dB per i dispositivi di segnalazione acustica dei ciclomotori;
· 80 dB per i dispositivi di segnalazione acustica speciale per autobus;
· 90 dB per i dispositivi supplementari di allarme.
e) Livello sonoro del dispositivo di scarico.
Il livello sonoro deve essere misurato a veicolo immobile e non deve superare il valore di controllo stabilito in sede di approvazione o di omologazione.
f) Emissioni inquinanti.
Devono essere rispettati i valori limite stabiliti dalla direttiva 92/55/CEE.
g) Visibilità.
Tutti i vetri interessanti la visibilità del conducente non devono presentare rotture, anche se localizzate.
h) Carrozzeria e telaio.
La carrozzeria ed il telaio devono essere in buono stato d’uso e manutenzione. In particolare il telaio non deve presentare rotture, anche se localizzate.
i) Dispositivi in generale ed approvazione degli stessi.
Tutti i dispositivi devono essere in perfetta efficienza.
Qualora soggetti ad approvazione devono recare, nei modi prescritti, gli estremi della stessa
.

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze. (PROVA)
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:17 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Art. 78. Modifiche delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione e aggiornamento della carta di circolazione:

1. I veicoli a motore ed i loro rimorchi devono essere sottoposti a visita e prova presso i competenti uffici del Dipartimento per i trasporti terrestri quando siano apportate una o più modifiche alle caratteristiche costruttive o funzionali, ovvero ai dispositivi d'equipaggiamento indicati negli articoli 71 e 72, oppure sia stato sostituito o modificato il telaio. Entro sessanta giorni dall'approvazione delle modifiche, gli uffici competenti del Dipartimento per i trasporti terrestri ne danno comunicazione ai competenti uffici del P.R.A. solo ai fini dei conseguenti adeguamenti fiscali.

2. Nel regolamento sono stabiliti le caratteristiche costruttive e funzionali, nonché i dispositivi di equipaggiamento che possono essere modificati solo previa presentazione della documentazione prescritta dal regolamento medesimo. Sono stabilite, altresì, le modalità per gli accertamenti e l'aggiornamento della carta di circolazione.

3. Chiunque circola con un veicolo al quale siano state apportate modifiche alle caratteristiche indicate nel certificato di omologazione o di approvazione e nella carta di circolazione, oppure con il telaio modificato e che non risulti abbia sostenuto, con esito favorevole, le prescritte visita e prova, ovvero circola con un veicolo al quale sia stato sostituito il telaio in tutto o in parte e che non risulti abbia sostenuto con esito favorevole le prescritte visita e prova, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 419 a euro 1.682

4. Le violazioni suddette comportano la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della carta di circolazione.

Regolamento:

Art. 236. (Art. 78 Cod. Str.) Modifica delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione e aggiornamento della carta di circolazione.

1. Ogni modifica alle caratteristiche costruttive o funzionali, tra quelle indicate nell'appendice V (vedi sotto) al presente titolo ed individuate con decreto del Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione generale della M.C.T.C., o che determini la trasformazione o la sostituzione del telaio, comporta la visita e prova del veicolo interessato, presso l’ufficio [provinciale] della Direzione generale della M.C.T.C. competente in relazione alla sede della ditta che ha proceduto alla modifica. Quando quest’ultima è effettuata da più ditte, senza che per ogni stadio dei lavori eseguiti venga richiesto il rilascio di un certificato di approvazione, l’ufficio [provinciale] della Direzione generale della M.C.T.C. competente per la visita e prova è quello nel cui territorio di competenza ha sede la ditta che ha operato l’ultimo intervento in materia. In tale caso la certificazione dei lavori deve essere costituita dal complesso di tutte le certificazioni, ciascuna redatta dalla ditta di volta in volta interessata dai diversi stadi, con firma del legale rappresentante autenticata nei modi di legge.
2. Ogni modifica riguardante uno dei seguenti elementi:
a) la massa complessiva massima;
b) la massa massima rimorchiabile;
c) le masse massime sugli assi;
d) il numero di assi;
e) gli interassi;
f) le carreggiate;
g) gli sbalzi;
h) il telaio anche se realizzato con una struttura portante o equivalente;
i) l’impianto frenante o i suoi elementi costitutivi;
l) la potenza massima del motore;
m) il collegamento del motore alla struttura del veicolo, è subordinata al rilascio, da parte della casa costruttrice del veicolo, di apposito nulla-osta, salvo diverse o ulteriori prescrizioni della casa stessa. Qualora tale rilascio non avvenga per motivi diversi da quelli di ordine tecnico concernenti la possibilità di esecuzione della modifica, il nulla-osta può essere sostituito da una relazione tecnica, firmata da persona a ciò abilitata, che attesti la possibilità d’esecuzione della modifica in questione. In tale caso deve essere eseguita una visita e prova presso l’ufficio [provinciale] della Direzione generale della M.C.T.C. competente in base alla sede della ditta esecutrice dei lavori, al fine di accertare quanto attestato dalla relazione predetta, prima che venga eseguita la modifica richiesta.
3. L’aggiornamento dei dati interessati dalla modifica viene eseguito dall’ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. cui sia esibito il certificato d’approvazione definitivo della modifica eseguita, oppure dall’ufficio provinciale della Direzione generale della M.C.T.C. che ha proceduto all’ultima visita e prova con esito favorevole. Tale aggiornamento ha luogo mediante l’emissione di un duplicato della carta di circolazione, i cui dati vanno variati o integrati conseguentemente alla modifica approvata.
4. La Direzione generale della M.C.T.C. definisce le competenze dei propri uffici periferici, tenuto anche conto della necessità di distribuzione dei carichi di lavoro e delle possibilità operative degli uffici stessi, nonché delle particolari collocazioni territoriali delle ditte costruttrici o trasformatrici.


APPENDICE V :

(CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE E FUNZIONALI DEI VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI)

A - Masse, dimensioni ed allestimenti

a) Massa in ordine di marcia (tara).
b) Massa massima tecnicamente ammissibile.
c) Masse massime sugli assi.
d) Dimensioni massime di ingombro.
e) Numero assi ed interassi.
f) Carreggiate.
g) Sbalzi massimi.
h) Fascia di ingombro.
i) Dimensioni interne abitacolo e determinazione del numero di posti.
l) Tipo della struttura portante.
m) Carrozzeria.
n) Attrezzature particolari.

B - Prestazioni

a) Determinazione velocità calcolata.
b) Verifica della velocità massima.
c) Per il motore: numero cilindri, cilindrata, ciclo di funzionamento, potenza e coppia massima e relativi numeri di giri, alimentazione, combustibile.
d) Determinazione consumo combustibile.
e) Prova di accelerazione in piano.
f) Spunto in salita.
g) Rapporto potenza/massa.
h) Massa rimorchiabile.
i) Tipo della trasmissione e rapporti.

C - Sicurezza attiva

a) Installazione dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione.
b) Impianto elettrico.
c) Avvisatori acustici.
d) Tergi proiettori.
e) Frenatura, sistema frenante ed elementi costitutivi.
f) Specchi retrovisori.
g) Sbrinamento e disappannamento del parabrezza.
h) Riscaldamento abitacolo.
i) Serbatoi carburante e prevenzione incendi.
l) Porte (serrature e cerniere - pedane).
m) Campo di visibilità del conducente.
n) Tergilavacristallo parabrezza.
o) Cerchi e ruote.
p) Pneumatici e sospensioni.
q) Sistemazione dei pedali di comando.

D - Sicurezza passiva

a) Urti e ribaltamento.
b) Antifurto.
c) Vetri di sicurezza.
d) Ancoraggi delle cinture di sicurezza.
e) Paraurti per autovetture.
f) Protezione posteriore anti incuneamento.
g) Protezione contro lo spostamento del carico (1).
h) Protezione laterale.
i) Parafanghi.
l) Calzatoie.
m) Sterzo.
n) Sistemazione interna e rumorosità, resistenza dei sedili e loro ancoraggi.
o) Cinture di sicurezza.
p) Sistemi di ritenuta bambini.
q) Appoggiatesta.
r) Sporgenze esterne.
s) Limitazione all'impiego di determinati materiali.
t) Resistenza cabine.
u) Identificazione veicoli lunghi e/o pesanti.
v) Para spruzzi.
z) Recipienti semplici a pressione.

E - Protezione ambientale

a) Anti disturbi radio.
b) Rumorosità esterna veicoli a motore.
c) Emissioni inquinanti dei veicoli con motore ad accensione spontanea o ad accensione comandata.
d) Posizione tubo di scarico.
e) Durata dei dispositivi antinquinamento allo scarico.

F - Norme per particolari categorie di veicoli

a) Caratteristiche delle autoambulanze.
b) Caratteristiche dei veicoli di interesse storico o collezionistico.
c) Caratteristiche degli autobus.
d) Caratteristiche dei veicoli adibiti al trasporto merci.
e) Caratteristiche delle autocaravan.
f) Caratteristiche dei veicoli per trasporto di persone in servizio di noleggio con conducente o in servizio di piazza.
g) Caratteristiche dei veicoli blindati e/o adibiti a servizi di polizia.
h) Caratteristiche dei ciclomotori.
i) Caratteristiche dei quadricicli a motore.
l) Equipaggiamenti speciali dei veicoli alimentati con combustibili in pressione o gassosi.
m) Caratteristiche dei filoveicoli.

G - Disposizioni fiscali

a) Alloggiamento targa.
b) Potenza fiscale.
c) Potenza fiscale dei motori elettrici.
d) Targhette e iscrizioni.
e) Marcatura di identificazione del motore.
f) (Omissis).

H - Varie

a) Tachimetro.
b) Cronotachigrafo.
c) Retromarcia.
d) Organi di aggancio e di traino degli autotreni, degli autoarticolati e degli autosnodati.
e) Abbinamento per tipi o classi delle motrici con rimorchi/semirimorchi.
f) Dispositivo di rimorchio dei veicoli in avaria od in rimozione.
g) Identificazione comandi, spie, indicatori.
h) Portabagagli.
i) Portasci.
l) Antenna radio o radiotelefonica.


Approfondimenti sull'Art 78:

Circ. min. Interno 6 aprile 2004, n. 40008023 - Chiarimenti e disposizioni operative. - 1. Dispositivi di equipaggiamento dei veicoli a motore (art. 72 del Codice della Strada) - 2. Modifiche costruttive (art. 78 del Codice della Strada).
Facendo seguito alle innumerevoli richieste di chiarimenti in merito alle problematiche in oggetto indicate, si trasmettono le seguenti disposizioni operative:

1. Luci blu in sostituzione di quelle omologate.

Sono modifiche ai dispositivi di illuminazione, definiti dalle disposizioni vigenti (articolo 151 del Codice della Strada e normative C.E.E.), non consentite e perciò sanzionabili, ai sensi dell'articolo 78 del Codice della Strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285), con relativo ritiro della carta di circolazione per l'invio alla M.C.T.C. per una revisione straordinaria al fine di accertare se le luci abusivamente installate siano state rimosse, mentre il loro uso è altresì sanzionabile ai sensi articolo 153, comma 9, del Codice della Strada.

Luci blu (o altri colori non consentiti) installate in aggiunta alle luci contemplate dall'art. 151 del Codice della Strada. Sono sanzionabili ai sensi dell'articolo 72 del Codice della Strada, anche se non vengono usate.

2. Alettoni, spoiler, minigonne.

Non essendo elencate tra le caratteristiche costruttive o funzionali indicate nell'appendice V del titolo III, sezione I (articolo 227 del Regolamento), non sono soggette ad aggiornamento della carta di circolazione possono essere installate (analogamente ai portapacchi, centine rimovibili, porta biciclette, porta sci, ecc.) a cura e sotto l'esclusiva responsabilità del conducente purché non sporgano dalla sagoma del veicolo, siano efficacemente ancorate, non presentino bordi appuntiti o taglienti.

3. Finale della marmitta omologata.

Le direttive comunitarie hanno stabilito che i dispositivi di scarico dei gas combusti dei veicoli possono essere sostituiti con altri, purché omologati e accompagnati da attestazione del costruttore di omologazione, e la rumorosità della marmitta non superi quella indicata sulla carta di circolazione del veicolo (misurata in decibel, al numero di giri previsto). Tali dispositivi non sono da indicare sulla carta di circolazione.

4. Luci rosse a led anteriori scorrevoli.

Vale integralmente quanto esposto al punto 1 circa l'installazione e/o uso.

5. Limite massimo di ribassamento dell'autovettura.

Le direttive comunitarie non prevedono un'altezza minima da terra della parte inferiore delle autovetture. Perciò l'assetto degli autoveicoli in generale non è determinabile dalla carta di circolazione, ma dalle schede di omologazione da richiedere al costruttore del veicolo qualora sorgano dubbi sui rilassamenti vistosi.

Tali rilassamenti comportano la sostituzione, non ammessa delle sospensioni.

In tal caso, una volta verificato per via documentale (schede di omologazione) trattasi effettivamente di modifica, ricorrono le sanzioni contemplate nell'articolo 78 del Codice della Strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285) con ritiro della carta di circolazione per l'invio alla M.C.T.C.

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze. (PROVA)
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:19 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Art. 100. Targhe di immatricolazione degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei rimorchi:

2. I motoveicoli devono essere muniti posteriormente di una targa contenente i dati di immatricolazione.

3-bis. Le targhe di cui ai commi 2 sono personali, non possono essere abbinate contemporaneamente a più di un veicolo e sono trattenute dal titolare in caso di trasferimento di proprietà, costituzione di usufrutto, stipulazione di locazione con facoltà di acquisto, esportazione all'estero e cessazione o sospensione dalla circolazione.

5. Le targhe indicate ai commi 2 devono avere caratteristiche rifrangenti.

8. Ferma restando la sequenza alfanumerica fissata dal regolamento, l'intestatario della carta di circolazione può chiedere, per le targhe di cui ai commi 2, ai costi fissati con il decreto di cui all'articolo 101, comma 1, e con le modalità stabilite dal Dipartimento per i trasporti terrestri, una specifica combinazione alfanumerica. Il competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri, dopo avere verificato che la combinazione richiesta non sia stata già utilizzata, immatricola il veicolo e rilascia la carta di circolazione. Alla consegna delle targhe provvede direttamente l'Istituto Poligrafico dello Stato nel termine di trenta giorni dal rilascio della carta di circolazione. Durante tale periodo è consentita la circolazione ai sensi dell'articolo 102, comma 3 (circolazione con targa autocostruita)

9. Il regolamento stabilisce per le targhe di cui al presente articolo:

a) i criteri per la formazione dei dati di immatricolazione;

b) la collocazione e le modalità di installazione;

c) le caratteristiche costruttive, dimensionali, fotometriche, cromatiche e di leggibilità, nonché i requisiti di idoneità per l'accettazione.

10. Sugli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è vietato apporre iscrizioni, distintivi o sigle che possano creare equivoco nella identificazione del veicolo.

11. Chiunque viola le disposizioni dei commi 2 e 9, lettera b) è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335.

12. Chiunque circola con un veicolo munito di targa non propria o contraffatta è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.998 a euro 7.953.

13. Chiunque viola le disposizioni dei commi 5 e 10 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 99.

14. Chiunque falsifica, manomette o altera targhe automobilistiche ovvero usa targhe manomesse, falsificate o alterate è punito ai sensi del codice penale.

15. Dalle violazioni di cui ai commi precedenti deriva la sanzione amministrativa accessoria del ritiro della targa non rispondente ai requisiti indicati. Alle violazioni di cui ai commi 11 e 12 consegue la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo o, in caso di reiterazione delle violazioni, la sanzione accessoria della confisca amministrativa del veicolo. La durata del fermo amministrativo è di tre mesi, salvo nei casi in cui tale sanzione accessoria è applicata a seguito del ritiro della targa.

Regolamento:

Art. 258. (Art. 100 Cod. Str.) Collocazione delle targhe di immatricolazione, ripetitrici, e di riconoscimento.
1. Gli alloggiamenti delle targhe d'immatricolazione ripetitrici, e di riconoscimento devono presentare una superficie piana o approssimativamente piana, di ampiezza idonea a contenere la targa cui sono destinati. Fermo restando quanto stabilito nella materia dalle norme previgenti per i veicoli immatricolati anteriormente al 1° gennaio 1999, le dimensioni e la collocazione dei diversi tipi di targhe sono le seguenti:

e-bis) targhe di immatricolazioni dei motoveicoli: 177 mm×177 mm collocate sul lato posteriore dei motoveicoli.

Art. 259. (Art. 100 Cod. Str.) Modalità di installazione delle targhe:

1. Gli alloggiamenti devono essere tali che, a seguito del loro corretto montaggio, le targhe presentino le seguenti caratteristiche:

a) Negli auto e motoveicoli la targa posteriore puo' essere centrale o spostata verso la meta' sinistra del veicolo (mai verso destra) e il suo bordo sinistro non puo' andare in ogni caso fuori sagoma.

c) posizione della targa rispetto al piano longitudinale di simmetria del veicolo: la targa è perpendicolare o sensibilmente perpendicolare al piano di simmetria longitudinale del veicolo;

d) posizione della targa posteriore rispetto alla verticale:la targa è verticale con un margine di tolleranza di 5°. Tuttavia, nella misura in cui la forma del veicolo lo richiede, essa può essere anche inclinata rispetto alla verticale di un angolo non superiore a 30°, quando la superficie recante i caratteri alfanumerici è rivolta verso l'alto e a condizione che il bordo superiore della targa non disti dal suolo più di 1,20 m; di un angolo non superiore a 15°, quando la superficie recante il numero di immatricolazione è rivolta verso il basso e a condizione che il bordo superiore della targa disti dal suolo più di 1,20 m;

e) altezza della targa posteriore rispetto al suolo:
l'altezza del bordo inferiore della targa dal suolo non deve essere inferiore a 0,30 m, e a 0,20 m per i soli motoveicoli; l'altezza del bordo superiore della targa dal suolo non deve essere superiore a 1,20 m. Tuttavia, qualora sia praticamente impossibile osservare quest'ultima disposizione, l'altezza può superare 1,20 m, ma deve essere il più possibile vicino a questo limite, compatibilmente con le caratteristiche costruttive del veicolo, e non può comunque superare i 2 m;

f) condizioni geometriche di visibilità:
la targa posteriore deve essere visibile in tutto lo spazio compreso tra quattro piani, dei quali: due verticali che passano per i due bordi laterali della targa, formando verso l'esterno un angolo di 30° con il piano longitudinale mediano del veicolo; un piano che passa per il bordo superiore della targa formando con il piano orizzontale un angolo di 15° verso l'alto; un piano orizzontale che passa per il bordo inferiore della targa (tuttavia, se l'altezza del bordo superiore della targa dal suolo è superiore a 1,20 m, quest'ultimo piano deve formare con il piano orizzontale un angolo di 15° verso il basso);

g) determinazione dell'altezza della targa rispetto al suolo:
le altezze di cui alle lettere d), e) ed f) devono essere misurate a veicolo scarico.

2. È ammesso l'uso di cornici portatarga a condizione che siano di materiale opaco e che ricoprano il bordo della targa per una profondità non superiore a 3 mm. È vietato applicare sui portatarga e sulle teste delle viti di fissaggio materiali aventi proprietà retroriflettenti. È vietato applicare sulla targa qualsiasi rivestimento di materiale anche se trasparente.





Art. 155. Limitazione dei rumori:

1. Durante la circolazione si devono evitare rumori molesti causati sia dal modo di guidare i veicoli, specialmente se a motore, sia dal modo in cui è sistemato il carico e sia da altri atti connessi con la circolazione stessa.

2. Il dispositivo silenziatore, qualora prescritto, deve essere tenuto in buone condizioni di efficienza e non deve essere alterato.

3. Nell'usare apparecchi radiofonici o di riproduzione sonora a bordo dei veicoli non si devono superare i limiti sonori massimi di accettabilità fissati dal regolamento.

4. I dispositivi di allarme acustico antifurto installati sui veicoli devono limitare l'emissione sonora ai tempi massimi previsti dal regolamento e, in ogni caso, non devono superare i limiti massimi di esposizione al rumore fissati dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1° marzo 1991.

5. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 39 a euro 159.

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze. (PROVA)
MessaggioInviato: mar apr 16, 2013 5:21 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Modalita' e approfondimenti sul ricorso al verbale del C.di S. :

Se ritieni che le sanzioni che ti sono state applicate sono ingiuste, oppure viziate nella forma, puoi contestarle presentando ricorso:

se il verbale ti è stato consegnato su strada:
i termini decorrono dal giorno successivo alla data dell'infrazione.
se il verbale ti è stato spedito per posta:
i termini decorrono dal giorno successivo alla data in cui il verbale si considera " notificato "

Puoi proporre ricorso al: prefetto oppure al giudice di pace.

Ricorda che:

- Se fai ricorso ad uno non puoi farlo anche all'altro

- Se hai già pagato non puoi più fare ricorso

- Se sei residente in Italia hai 30 giorni per presentare il ricorso al Giudice di Pace,
se sei residente all''estero hai 60 giorni

- I termini per presentare ricorso al Prefetto sono 60 giorni sia per i residenti in Italia,
sia per i residenti all'estero


Proporre ricorso al Prefetto

Se sei il trasgressore o l'obbligato in solido e se :
non hai pagato già l'importo previsto per l'infrazione per la quale intendi ricorrere
non hai già presentato ricorso al giudice di pace.
puoi proporre ricorso al Prefetto della provincia dove è stata commessa la violazione.
Successivamente il Prefetto risponde emettendo:
ordinanza di archiviazione se lo accetta
ordinanza-ingiunzione della somma che devi pagare se lo rifiuta (con importo uguale alla metà del massimo previsto per quella violazione)
Come presentare e trasmettere il ricorso al Prefetto
Il ricorso al Prefetto deve essere tassativamente presentato per iscritto e puoi scegliere se:
- presentare le tue motivazioni per iscritto
- presentare le tue motivazioni per iscritto e in più richiedere di essere sentito personalmente.
- Anche per la trasmissione puoi scegliere se:
- trasmetterlo tramite l'organo accertatore:
puoi consegnarlo direttamente a mano in qualsiasi ufficio della Polizia Stradale (deve esserti rilasciata una ricevuta con il timbro dell'ufficio comprensivo di data di presentazione)
a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno (fa fede il timbro postale) all'Ufficio da cui dipende chi ti ha fatto il verbale che, a sua volta, lo trasmetterà al Prefetto competente per territorio.
Sia nell'intestazione che sulla busta dovrai mettere l'indirizzo della Sezione Polizia Stradale che ti ha elevato la contravvenzione.
- trasmetterlo direttamente al Prefetto
a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno a: Prefettura -Ufficio Territoriale del Governo di...(competenza per territorio) - Ufficio Depenalizzazione


Proporre ricorso al Giudice di Pace

Se sei il trasgressore o l'obbligato in solido puoi proporre ricorso al giudice di pace competente nel territorio dove è stata commessa la violazione (per le violazioni commesse dal 6 di ottobre 2011 se sei residente in Italia hai 30 giorni di tempo per presentarlo - permangono 60 giorni se sei residente all'estero), se:

- non hai pagato già l'importo previsto per l'infrazione per la quale intendi ricorrere

- non hai già presentato ricorso al Prefetto

Per presentare il ricorso devi corrispondere un contributo unificato che varia in relazione all'importo della sanzione amministrativa. Puoi chiedere maggiori informazioni circa la somma da versare e le modalità direttamente alla cancelleria del Giudice di Pace competente.

Al momento della proposizione viene fissata la data di udienza.

Ma ogni ulteriore informazione su tempi e modalità potrai richiederli direttamente alla Cancelleria del Giudice di Pace dove hai inviato il ricorso

Puoi fare ricorso al Giudice di Pace del luogo dove è stata commessa la violazione indicato alla voce 6B del verbale

- puoi consegnarlo direttamente a mano (deve esserti rilasciata una ricevuta con il timbro dell'ufficio comprensivo di data di presentazione insieme al foglio in cui viene scritta la data della prima udienza);

- oppure lo puoi inviare a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno (per la trasmissione entro i termini fa fede il timbro postale) all'Ufficio Cancelleria del giudice di pace competente per territorio.

Indicazioni da riportare nel ricorso:

Il ricorso deve contenere almeno le seguenti indicazioni:
autorità alla quale si presenta;
dati di chi fa ricorso completi di residenza o di domiciliazione;
riassunto dell'accaduto con indicazione della data, del luogo, del numero del verbale e degli articoli del codice della strada che s'intende contestare;
motivazioni per le quali si vuole contestare il verbale;
richiesta di annullamento;
eventuali atti allegati che avvalorino le proprie motivazioni (certificati, ecc.);
data della richiesta;
firma del ricorrente;
domicilio legale (solo per il ricorso al giudice di pace).

Fac simile ricorso al Prefetto
Fac simile ricorso al Giudice di Pace

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: gio apr 18, 2013 9:38 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Sì inizia :wink: :ok:

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: gio apr 18, 2013 9:57 pm 
Non connesso
Piegatore Folle 1° Classificato
Piegatore Folle 1° Classificato
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 15, 2011 10:45 pm
Messaggi: 1840
Località: Agrate Brianza
Nome: nicola
Moto: FIREBLADE 2010
Sesso: M
Provincia: Monza e della Brianza
ottima idea aprire un post così :ok:
forse mi è sfuggito ,ma parlare anche dei rimorchi x moto potrebbe interessare ... tipo carrelli ect!!! c'è sempre molta confusione in materia :mumble:
a tal proposito se carico la moto sulla macchina (una zafira) sono fuori legge?
ciao :cop: sbirro :wink:
semifermikiudiunokkio 8)

_________________
Immagine

Immagine http://facebook.com/nicola.accordino
Immagine http://www.youtube.com/user/nikopsiko69
ImmagineGRUPPO FB -IN PISTA A TUTTO GAS-

LE MOTO DI NIKOPSIKO


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: gio apr 18, 2013 10:07 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
nikopsiko ha scritto:
ottima idea aprire un post così :ok:
forse mi è sfuggito ,ma parlare anche dei rimorchi x moto potrebbe interessare ... tipo carrelli ect!!! c'è sempre molta confusione in materia :mumble:
a tal proposito se carico la moto sulla macchina (una zafira) sono fuori legge?
ciao :cop: sbirro :wink:
semifermikiudiunokkio 8)


Inserisco anche i rimorchi tats :wink: :ok:

Non credo che riusciresti a farcela entrare tenendo il portabagagli chiuso e assicurandola in modo da evitarne la caduta, dovrebbe essere priva della benzina, inoltre non deve essere di intralcio al conducente....

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: gio apr 18, 2013 10:59 pm 
Non connesso
Pilota
Pilota
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 12, 2010 9:38 pm
Messaggi: 4466
Località: anzio(south beach of rome)
Nome: marco
Moto: ex-z750old FZ6 s2
Sesso: M
Provincia: Roma
2 domande...
nelle pene dell'art.100 vi è solo la sanzione?non ci dovrebbe anche essere il ritiro o sospensione della patente?
e nel punto dei chiarimenti dell'art.78 su dove si dice alettoni,spoiler e minigonne o comunque sia modifiche strutturali esterne del veicolo si può evitare sanzioni o altro solo se la vettura con queste modifiche passa le dovute omologazioni e collaudi??

_________________
ImmagineImmagineImmagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: gio apr 18, 2013 11:06 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
z750cc ha scritto:
2 domande...
nelle pene dell'art.100 vi è solo la sanzione?non ci dovrebbe anche essere il ritiro o sospensione della patente?
e nel punto dei chiarimenti dell'art.78 su dove si dice alettoni,spoiler e minigonne o comunque sia modifiche strutturali esterne del veicolo si può evitare sanzioni o altro solo se la vettura con queste modifiche passa le dovute omologazioni e collaudi??


1 nessun ritiro di documenti, in alcuni casi è previsto il fermo amministrativo
2 nessuna verifica e prova purché non superino i limiti di sagoma e siano di tipo omologato

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: ven apr 19, 2013 9:07 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Ragazzi fate le domande qua e non in MP, in modo che tutti possano leggere e informarsi, i vostri dubbi potrebbero essere anche quelli di altri :wink:

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab apr 20, 2013 10:46 am 
Non connesso
Sverniciatore
Sverniciatore
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 27, 2009 1:08 pm
Messaggi: 879
Località: Genova
Nome: andrea
Moto: ???
Sesso: M
Provincia: Genova
Ottimo topic Monnè :) ho giusto due dubbi:
-Io per fortuna sono riuscito a prendere la A(senza limiti) prima della riforma ma un mio amico non è stato così fortunato e si trova ad aver preso la a2 con vecchio metodo con la prospettiva che dopo 2 anni si sbloccasse e diventasse senza limiti, ora, la logica vorrebbe che avendo preso la patente prima del 19/1 continuerebbe per la sua strada cioè sbloccandosi tra qualche mese ma in motorizzazione gli hanno detto che non essendosi ancora sbloccata rientra nella nuova riforma e dovrà fare un altro esame, visto che non sembravano molto sicuri di quello che dicevano ti giro la domanda: ora come è messo il mio amico? :mumble:
-Girando un po' in vista di comprare la nuova moto mi sono imbattuto in un rivenditore che mi ha detto che girare con la moto depo a libretto (avendo la patente senza limiti) comporta soltanto un'infrazione di tipo fiscale perchè paghi meno il bollo, io però sapevo che la situazione era ben più grave (assicurazioni che non coprono, culi megagalattici da parte delle fdo etc etc) chi ha ragione? :D
grazie mille :idea:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab apr 20, 2013 12:22 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Crack@ : quanti anni ha il tuo amico?
Se giri con una moto depo solo a libretto, ma in realtà "normale" violi l'art. 78 anche se hai la patente A senza limitazioni.

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab apr 20, 2013 12:39 pm 
Non connesso
Sverniciatore
Sverniciatore
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 27, 2009 1:08 pm
Messaggi: 879
Località: Genova
Nome: andrea
Moto: ???
Sesso: M
Provincia: Genova
22 :D
Per il secondo punto è esattamente come pensavo io e questo qui voleva rifilarmi una moto depo a libretto con il discorso "ma tanto lo fanno tutti" e "non è mai successo niente" :nooo: :nooo:
grazie ancora


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab apr 20, 2013 12:42 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
crack ha scritto:
22 :D
Per il secondo punto è esattamente come pensavo io e questo qui voleva rifilarmi una moto depo a libretto con il discorso "ma tanto lo fanno tutti" e "non è mai successo niente" :nooo: :nooo:
grazie ancora


Per la prima domanda ho mobilitato un po' di gente perché a quanto pare la questione non è chiara :sss:

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab apr 20, 2013 12:57 pm 
Non connesso
Sverniciatore
Sverniciatore
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 27, 2009 1:08 pm
Messaggi: 879
Località: Genova
Nome: andrea
Moto: ???
Sesso: M
Provincia: Genova
er Zmonnezza ha scritto:
crack ha scritto:
22 :D
Per il secondo punto è esattamente come pensavo io e questo qui voleva rifilarmi una moto depo a libretto con il discorso "ma tanto lo fanno tutti" e "non è mai successo niente" :nooo: :nooo:
grazie ancora


Per la prima domanda ho mobilitato un po' di gente perché a quanto pare la questione non è chiara :sss:

graaaaazie! :brindiamo:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab mag 18, 2013 8:11 pm 
Non connesso
Neofita
Neofita

Iscritto il: gio apr 07, 2011 6:13 pm
Messaggi: 156
Località: Salerno
Nome: Fulvio
Moto: z750R
Sesso: M
ragazzi volevo chiarimenti in quanto due cose e le eventuali contravvenzioni o sequestri
portarga aftermarket
e specchietti aftermarket omologati
e senza specchietti

perchè ho delle idee confuse di verbali e sequestri se qualcuno lo sa! su google trovo vecchi topic su forum vari ma sono vecchi di anni e poco attendibili


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: sab mag 18, 2013 9:25 pm 
Non connesso
PolSpam
PolSpam
Avatar utente

Iscritto il: lun apr 11, 2011 7:16 pm
Messaggi: 48649
Località: Iglesias city
Nome: Christian
Moto: Z750ライムグリーン
Sesso: M
Provincia: Cagliari
Ciao,

per il portatarga after con inclinazione superiore ai 30° si configura la violazione dell'art. 100 con sanzione acessoria del fermo amm.vo per tre mesi. €84
per gli spiecchietti non omologati si configura la violazione dell'art. 72/c.13 € 84
per gli specchietti mancanti si configura sempre l'Art. 72/c.13

_________________
ImmagineImmagine
SUPPORTER Z-It.: 2012 n° 15/ 2013 n° 41 >>erMotoMonnezza<<
deffu ha scritto:
se qualcuno ha una vita demmerda conviene farsi leggere il culo anziché la mano :lol3: :lol3: :lol3: :lol3:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Codice della Strada : chiarimenti e consulenze.
MessaggioInviato: lun mag 20, 2013 1:33 am 
Non connesso
Neofita
Neofita

Iscritto il: gio apr 07, 2011 6:13 pm
Messaggi: 156
Località: Salerno
Nome: Fulvio
Moto: z750R
Sesso: M
grazie tante,
quindi rileggendo tra le righe capisco che per gli specchietti in ogni caso non c'è sequestro ma "solo" una multa
invece riguardo il portatarga se non supera i 30° di inclinazione non ci dovrebbero essere problemi!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 126 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a: